Selezionare una pagina

UNA BELLISSIMA NOTIZIA: IL NOSTRO THOMAS E’ IN FINALE NEL CONCORSO BORSA DI STUDIO IGOR SLAVICH!!! INCROCIAMO LE DITA!

UNA BELLISSIMA NOTIZIA: IL NOSTRO THOMAS E’ IN FINALE NEL CONCORSO BORSA DI STUDIO IGOR SLAVICH!!!

INCROCIAMO LE DITA!

Siamo emozionati.

No, anzi, molto di più.

 Anche quest’anno, per il secondo anno consecutivo, uno dei nostri studenti del terzo anno del percorso di Istruzione e Formazione Professionale IeFP per “Operatore Edile” (finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia) è stato selezionato tra i finalisti della borsa di studio “Igor Slavich”.

Così il nostro Thomas Capuzzo, insieme ad altri 7 studenti tutti provenienti dall’ultimo anno (V) dei Licei della Provincia di Trieste, si giocherà le prime tre posizioni durante l’evento di premiazione che si svolgerà lunedì 10 giugno 2019 alle 12:00 presso l’Aula Magna del Liceo Petrarca (via Rossetti 74).

Si ricorda che la borsa di studio è stata istituita dalla famiglia di Igor a partire dal 2012 per ricordare il figlio prematuramente scomparso, con l’obiettivo di assegnare un premio agli studenti ritenuti più meritevoli nel redarre un elaborato scritto capace di affrontare, in maniera critico-personale, tematiche storiche, sociale, culturali, artistiche e umanitarie con una specifica sensibilità verso le problematiche del mondo contemporaneo in generale.

 Già questo della finale è un enorme successo non solo per il ragazzo e la nostra scuola, ma per tutto il sistema dell’istruzione e formazione professionale promosso dall’ATI EFFEPI – Formazione Professionale in Friuli Venezia Giulia, confermandosi come valida alternativa ai percorsi scolastici per ragazzi e ragazze in uscita dalla terza media.

Ma ciò che ci rende più felici sono le parole scritte dall’Associazione Igor Slavich che hanno introdotto la qualificazione alla fase finale del lavoro del nostro Thomas.

Parole sincere, schiette, che abbiamo il piacere di condividere con tutti voi, augurandoci siano di buon auspicio per tutti coloro che hanno un mondo dentro ma troppe volte non trovano il coraggio (o il momento giusto) per raccontarlo agli altri, concorrendo nella costruzione di una società migliore:

“Lo confesso, il tema di Thomas non era come quello del vostro allievo  A.M. dello scorso anno: quello era un tema che dava la sensazione di preparazione, di “sapere”. Quello di quest’anno invece è l’esatta risposta a quello che chiediamo noi a chi si mette in gioco in questo Concorso: collegare mente e cuore per poter scrivere quello che esce realmente dalla persona. Thomas ha fatto tutto questo e ce ne siamo accorti tutti.

Mi creda, noi leggiamo i temi, una, due volte a distanza di tempo per verificare se il pensiero di ognuno rimane lo stesso della prima lettura, poi ci riuniamo e discutiamo su ogni singolo tema. C’è quello che Ti sorprende perché ha una marea di citazioni ma alla fine ha fatto solo un elenco e non ha detto niente di personale; c’è quello che invece Ti prende dentro perché trovi qualcosa di unico che non avevi mai letto prima; c’è quello che Ti fa inorridire per gli errori di grammatica; c’è quello che va completamente fuori tema; e poi c’è quello che Ti sembra vagamente in linea con il pensiero di Igor. C’è di tutto in quei temi e c’è pure quello che come per Thomas tira fuori con semplicità le parole e le mette in riga con tutto il cuore.

Per essere premiato alle volte non serve scrivere sette pagine, non serve aver letto decine di libri, non serve aver scritto un tema a settimana: serve essere davvero disposto a mettersi in gioco, serve avere la voglia di scrivere e di far capire che a quel Concorso ci tieni davvero. 

C’era tutto questo in quel tema e quando abbiamo aperto la busta mi creda eravamo tutti contenti di leggere da che scuola proveniva lo studente.”

La nostra risposta in poche righe:

Siamo noi a ringraziare Voi e tutti quelli che credono nella Vostra modalità di ricordare, attraverso la pratica e la condivisione, attraverso la moltiplicazione e la diffusione di idee e positività chi, purtroppo, non c’è più.

E siamo noi a ringraziare Thomas di aver scelto di crescere assieme a noi, di condividere questi 3 anni della sua crescita personale e professionale con noi.

E come dite giustamente, meglio lasciarsi con un arrivederci piuttosto che un addio e quindi: non c’è due senza tre!

Risintonizzatevi con i canali di comunicazione dell’Edilmaster nel primo pomeriggio di lunedì 10 giugno perché appena sapremo i risultati saremo i primi a comunicarlo al mondo, indipendentemente dal “piazzamento” di Thomas.

Comunque vada, è stato (e sarà) un successo!

Edilmaster